Formula 1 | Conferenza stampa piloti, Gran Premio di Monaco

Durante la conferenza stampa del Gran Premio di Monaco, si è discusso di molti argomenti, partendo dalla scomparsa di Niki Lauda, fino ad arrivare all’esclusione di Fernando Alonso dalla 500 Miglia Indianapolis.

I piloti che hanno preso parte alla conferenza stampa del Gran Premio di Monaco, sono stati: il pilota di casa Charles Leclerc (Ferrari), Daniel Ricciardo (Renault), Valtteri Bottas (Mercedes) che ha preso il posto di Lewis Hamilton, Max Verstappen (Red Bull) e infine il pilota della Williams Robert Kubica.

La conferenza stampa del Gran Premio di Monaco è iniziata con i commenti da parte di tutti i presenti sulla scomparsa di Niki Lauda, con i piloti che hanno detto:

Valtteri Bottas: “Notizia scioccante con cui iniziare il weekend. R’ stato un grande motivatore, grandioso anche come persona. Non dimenticherò i momenti passati con lui. Dovremo dare il massimo per lui. Era sempre molto ironico. Diceva ciò che pensava, senza girarci intorno. E questo creava anche situazioni buffe nelle riunioni. Era lì a sostenermi, sempre una grande motivazione e mi ha aiutato tantissimo”.

Robert Kubica: “Ha scritto pagine importanti della F1, sentiremo la sua mancanza”;
Max Verstappen: “Penso alla famiglia al momento, una grande persona”;
Daniel Ricciardo: “Uomo gentile, ricordo tante chiacchierate. E’ stato eccezionale come pilota e i momento passato in privato con lui mi hanno sempre dimostrato la sua gentilezza”;
Charles Leclerc: “Non ho avuto modo di parlare molto con lui, ma ha lasciato il segno e non lo dimenticheremo”.

L’argomento successivo è stato quello della “specialità” del Gran Premio di Monaco, il gran premio di casa un po’ di tutti i piloti, che infatti hanno commentato in maniera speciale il weekend che inizierà giovedì e non venerdì

Valtteri Bottas, pilota Mercedes che vive proprio nel principato, ha detto:

“Dobbiamo essere cauti e motivati per esprimerci al massimo. Le mie sensazini? Vivo qui e sarà speciale. Sarà molto divertente fare un giro qui”.

Max Verstappen, invece non ha dubbi per quanto riguarda il responso finale del weekend:

“Mercedes favorita, non credo avremo le stesse possibilità dello scorso anno ma vediamo, speriamo di lottare per il podio. Ho fatto 4 GP qui e spero di farne altri 20 e spero di avere tante opportunità per fare dei risultati qui”.

Per Daniel Ricciardo, ultimo vincitore del Gran Premio di Monaco, nell’edizione 2018 a bordo della Red Bull e attuale pilota Renault, non solo il Gran Premio d’Australia, ma anche quello di Monaco è un po’ il suo Gran Premio di casa, vivendo anch’esso nel principato:

“Vivo qui, è un po’ il GP di casa e c’è un’atmosfera diversa. Ma non vengo qui con le motivazioni dello scorso anno, più tranquillo del passato”.

Il pilota della Williams, Robert Kubica invece, è emozionato di tornare dopo anni di assenza sul circuito di Monaco:

“Gara sempre speciale, tornare qui dopo anni è qualcosa di unico. In passato mi ha sempre dato belle sensazioni ma sarà più difficile di allora. Le macchine sono diverse. La nostra fatica tantissimo su altri circuiti e figuriamoci qui. ma vedremo. Salire sul podio qui è qualcosa che spicca su ogni cosa. Le mie due volte rappresentano ricordi tra i più belli per me”.

“Mi aspetto un’esperienza unica, non sarà semplice. Ma non lo è mai. Più aderenza hai e più veloce puoi andare. Ma comunque resta una pista impegnativa”.

Infine, Charles Leclerc vero pilota che girerà in casa, ha commentato semplicemente così:

“E’ la mia gara di casa, sarà speciale. A Montecarlo sono abituati, durante l’anno non è che ti fermino in città. E’ grandioso correre il GP di casa, dove sono cresciuto e mi esalta tantissimo. Sono le stesse strade dove prendevo il bus per andare a scuola, invece affrontarle ora con una macchina di F1 è incredibile. In nessun altro circuito ho provato in qualifica le sensazioni provate qui. E’ il momento più bello del weekend per un pilota“.

“Il mio primo ricordo qui, in curva 1, guardavamo io e un amico il GP e osservavamo le Ferrari e Schumacher. E sonognavo un giorno di poter essere qui”.

Sempre al pilota di casa Charles Leclerc, gli è stato chiesto che aria si respira all’interno del team e se sarà avvantaggiato in caso di pioggia, e lui ha risposto:

“C’è calma nel team, tutti stiamo lavorando per crescere. Stiamo dando il massimo per crescere ma c’è serenità ed è importante che non venga meno. Se dovesse piovere? Qui si solito è una lotteria sull’asciutto, figuriamoci col bagnato. ma mi piacerebbe per cambiare le carte in tavola in qualifica. Non succede spesso qui”.

Infine, per concludere la conferenza stampa del Gran Premio di Monaco, è stato chiesto ai piloti cosa pensavano della mancata qualificazione di Fernando Alonso alla 500 Miglia Indianapolis:

Daniel Ricciardo, ha detto:

“Non conosco quelle macchine, pensavo potesse subito ambientarsi perché è un pilota abile e ancora determinato. Immagino che quest’anno evidentemente non sia stato sufficiente essere un bravo pilota. Farà sempre parte della famiglia della F1 e gli auguriamo ogni bene. Ma non posso sapere perché non sia andata bene”.

Robert Kubica ha risposto:
“Sappiamo che grande pilota è e due anni fa al debutto ha lottato per vincere, ma non ho molti elementi per dire cos’è successo”.

Mentre per concludere Valtteri Bottas ha detto semplicemente:
“Ne so poco delle qualifiche non andate bene…”.

Translate»
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.