GP Giappone, Albon: “Volevamo di più, ma non avevamo ritmo”

Alexander Albon nella domenica del GP del Giappone, è riuscito a festeggiare il suo miglior risultato di sempre, conquistando sul circuito di casa della Honda un quarto posto importante.

Alexander Albon, ha salvato la Red Bull nel Gran Premio di casa della Honda, dove il suo compagno di squadra Verstappen è stato costretto al ritiro al giro 14 del GP del Giappone, dopo che la sua monoposto è stata danneggiata in un contatto con Leclerc alla seconda curva del primo giro.

GP Giappone: La Mercedes vince il titolo costruttori con Bottas vincitore e Hamilton terzo

Il pilota anglo-thailandese, al termine della gara, ha dichiarato subito che:

“Il quarto posto è il miglior risultato della mia carriera in F1 e questo weekend è stato sicuramente il migliore con il Team”. 

Continuando, Albon descrive le emozioni che ha provato nel suo “breve” weekend giapponese in casa della Honda:

Immediatamente dalle FP1 mi sono sentito a mio agio con la macchina e l’equilibrio, il che è importante per una pista come Suzuka dove hai bisogno di molta fiducia, soprattutto durante la tua prima visita!”. 

Volevo di più in gara e mi sentivo come se avessi potuto fare meglio all’inizio, ma avevo la ruota fuori dalla pista e ho perso un paio di posizioni contro la McLaren. Quando sono riuscito a superarli, ma a quel punto avevo già perso molto tempo dal gruppo di testa”. 

Dopo essere riuscito a superare la McLaren di Carlos Sainz, la gara di Alexander Albon è diventata una gara di gestione delle gomme, come lui stesso ammette:

GP Giappone: L’analisi della gara di Pirelli

“Si trattava solo di gestire le gomme fino alla fine, ma con il DNF di Max è stato bello segnare alcuni punti per il Team e il quarto posto è stato il miglior risultato che abbiamo potuto fare”. 

Per concludere il pilota della Red Bull, descrive la sua situazione di continua crescita e si dice deluso dal risultato ottenuto portando solamente una monoposto al traguardo:

Sto ancora trovando i miei piedi, ma nel complesso sono contento del mio ritmo e dei progressi e abbiamo fatto un passo avanti questo fine settimana”. 

“Probabilmente volevamo di più, specialmente per la Honda, ed eravamo vicini ma non avevamo proprio il ritmo. Ora faremo i nostri compiti e speriamo di tornare più forti in Messico”.

Seguici su FACEBOOK ed entra nel nostro CANALE TELEGRAM sul motorsport per essere aggiornato sulle news e nel nostro GRUPPO TELEGRAM per discutere insieme a noi