GP Italia F1: Leclerc conquista una pole position rocambolesca a Monza

La Ferrari e Charles Leclerc conquistano la seconda pole position consecutiva della stagione al Circuito di Monza, con un ultimo giro rocambolesco e alquanto assurdo.

Charles Leclerc conquista la pole position a Monza con il tempo di 1:19.307, senza possibilità di migliorarsi nel suo ultimo giro lanciato a causa del traffico dei restanti 8 piloti scesi tutti con l’obiettivo di prendere la scia per segnare il giro veloce.

Nel tentativo finale assurdo a Monza, solo Charles Leclerc, riuscito a superare gli avversari e Carlos Sainz, in testa al gruppone, sono riusciti a non beccare la bandiera a scacchi, mentre gli altri non hanno avuto la possibilità di registrare l’ultimo giro.

Questo ultimo tentativo in qualifica è stato messo sotto investigazione dalla FIA, che potrebbe prendere così provvedimenti che vedrebbero scombussolata la griglia di partenza, mettendo però in salvo la pole position di Charles Leclerc.

Alle spalle della Ferrari di Leclerc, si sono posizionate le due Mercedes, rispettivamente di Hamilton e Bottas, mentre Sebastian Vettel ha terminato in quarta posizione, senza poter effettuare l’ultimo giro.

La coppia Renault formata da Daniel Ricciardo e Nico Hulkenberg ha terminato rispettivamente in quinta e sesta posizione, anch’essi senza poter effettuare l’ultimo giro veloce.

In settima posizione la McLaren di Carlos Sainz, unico pilota insieme a Leclerc a non prendere la bandiera a scacchi, e a potersi migliorare ma senza guadagnare posizioni.

A chiudere la top 10 Alexander Albon su Red Bull, Kimi Raikkonen che ha causato una bandiera rossa dopo essere andato a muro dopo aver beccato un cordolo alla variante della Roggia e infine Lance Stroll su Racing Point.

LA CLASSIFICA FINALE:

Seguici su FACEBOOK ed entra nel nostro CANALE TELEGRAM sulla Formula1 per essere aggiornato sulle news e nel nostro GRUPPO TELEGRAM per discutere insieme a noi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.