Leclerc si becca il richiamo dalla Ferrari per aver praticato paracadutismo

Charles Leclerc ha rivelato che, durante le sue vacanze invernali, si è paracadutato senza il permesso della Ferrari e ciò ha fatto arrabbiare i vertici del team che lo hanno richiamato.

Charles Leclerc come tutti i piloti si sta preparando per tornare al lavoro per la stagione 2020, ma il pilota monegasco, che sembra aver approfittato di questi giorni liberi per praticare sport pericolosi, come il paracadutismo, pur non avendo l’autorizzazione della Ferrari, un team con una posizione molto severa su questi temi:

“Normalmente se ho in mente qualcosa di un po’ fuori dal comune, chiedo sempre alla Ferrari, ma nel caso del lancio con il paracadute ho fatto un’eccezione”.

Prost su Leclerc: “Questo ragazzo ha le palle”

Ho detto a me stesso che, anche se ci fosse stato un problema, non credo che avrei avuto l’opportunità di essere sgridato. Quando l’hanno scoperto si sono un po’ arrabbiati, il lancio è stato stupefacente ma non lo farò una seconda volta”.

A Leclerc piace provare nuove esperienze e proprio come ha fatto Lewis Hamilton di recente, infatti anch’esso vorrebbe guidare una MotoGP, anche se ammette che nella sua situazione è complicato:

“Mi piacerebbe provare una MotoGP perché apprezzo molto le moto in generale. Non sono sicuro, però, che la Ferrari sia della stessa opinione. Prima di qualsiasi esperienza di questo tipo, che prevedano un minimo di rischio, dovrei chiedere l’autorizzazione ai vertici della Scuderia e non so se la otterrei”.

Anche se Charles è solo al suo terzo anno in Formula 1, riconosce che se dovesse cambiare categoria, opterebbe per i rally: 

“In questo momento sono ossessionato dalla Formula 1, è il mio mondo, ma se dovessi scegliere un’altra categoria, sarebbe il rally . È qualcosa di molto diverso dalla guida in cerchio, quindi vorrei dare loro una possibilità”.

Seguici su FACEBOOK ed entra nel nostro CANALE TELEGRAM sul motorsport per essere aggiornato sulle news e nel nostro GRUPPO TELEGRAM per discutere insieme a noi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.