GP Russia [Audio]: Steiner multato per i commenti offensivi al commissario di gara Pirro

Il team principal della Haas, Guenther Steiner, è stato multato per 7.500,00€ per i commenti offensivi nei confronti del commissario di gara effettuati tramite radio al termine del GP di Russia.

Steiner si è scagliato contro uno “stupido, idiota commissario” in seguito alla decisione di penalizzare Kevin Magnussen per non essere rientrato in pista attraversando i dissuasori posizionati appositamente in curva 2.

Guenther Steiner nel mirino della FIA per gli insulti ai commissari

Il team principal Haas, è stato indagato per una “presunta violazione degli articoli 12.1.1, lettere c) ed f) Codice sportivo internazionale FIA ​​da parte del team Haas F1 alle 15:49, attraverso i mezzi di comunicazione radio immediatamente dopo la visualizzazione della bandiera a scacchi per il Gran Premio di Russia 2019“.

La penalità ha fatto cadere Magnussen dall’ottavo al nono posto dopo aver tagliato il traguardo lasciando Steiner infuriato, poiché il team credeva di essere stato abbastanza punito dall’errore che aveva commesso. 

Nella dichiarazione della nota congiunta degli steward, si può leggere:

“Durante il Gran Premio di Russia del 29 settembre 2019, valido ai fini del campionato mondiale di Formula 1, lo Stewards delegato ha inflitto una penalità di 5 secondi a uno dei piloti della Haas F1 Team”.

“Il Team Principal del team Haas F1, titolare di una Super Licenza FIA, al termine della gara, ha colto l’occasione per fare commenti su questa decisione durante un messaggio radio al pilota interessato”.

IL TEAM RADIO DI GUENTHER STEINER AL TERMINE DEL
GP DI RUSSIA:

“In quel messaggio ha detto: “…Se non fosse per quel commissario stupido ed idiota saremmo ottavilo sai chi è quello Steward. Lo conosci. E’ sempre lo stesso. Non riesce a diventare più intelligente…”.

Gli Steward del GP di Russia hanno riferito la questione agli Steward del GP del Giappone così com’è previsto dall’articolo 11.9.3 t) del Codice sportivo internazionale.

“La loro autorità è stata delegata sia perché alcuni membri del team Haas F1 avevano già lasciato il circuito sia perché c’era un potenziale conflitto con almeno uno dei membri del pannello Steward in Russia”.

“L’11 ottobre 2019, gli Steward hanno condotto un’audizione con Steiner. Ha confermato che il suo commento era legato solo a un singolo Steward di quelli presenti nel GP di Russia. Non intendeva individuare altri Steward”.

Il singolo steward a cui si riferiva il Team Principal della Haas, è Emanuele Pirro, già noto ai tifosi e agli addetti del mestiere per la penalità inflitta a Sebastian Vettel nel GP del Canada, perso proprio a causa della penalità.

“In retrospettiva, si rammaricava della scelta delle parole usate in quel momento. Non intendeva che le sue parole riflettessero sfavorevolmente sugli ufficiali della FIA dell’evento e del campionato“.

Tuttavia, la comunicazione radio interessata come trasmessa all’epoca è un insulto agli Steward dell’evento e mette in discussione sia le abilità che l’integrità di quegli Steward”.

“Tali dichiarazioni danneggiano la reputazione del motorsport in generale, della FIA in particolare, e mettono in discussione la professionalità dei funzionari della FIA”.

Mentre ogni critica fattuale alle decisioni del comitato Steward è sempre benvenuta nelle discussioni private, gli attacchi personali pubblici contro singoli funzionari sono totalmente inappropriati e non saranno accettati“.

IL METODO DI GIUDIZIO E LA SANZIONE PECUNIARIA:

“La formulazione utilizzata dal sig. Steiner ha causato un danno morale ai funzionari della FIA, ha pregiudicato gli interessi degli sport motoristici e pertanto deve essere considerata una violazione delle regole definite negli articoli 12 1.1.c e 12.1.1.f di il Codice sportivo internazionale”.

“In quanto titolare di una Super Licenza FIA, il Sig. Steiner è soggetto a sanzione pecuniaria ai sensi degli articoli 12.1.4, 12.2.1 e 12.4.1 del Codice sportivo internazionale”.

LA CONCLUSIONE

“Poiché non sono state imposte sanzioni a Mr. Steiner per un comportamento simile in passato, un’ammenda dell’importo imposto è considerata appropriata”.

“Tuttavia, in caso di future violazioni, potrebbe essere necessario considerare se il team debba essere sanzionato, insieme a qualsiasi persona coinvolta, con sanzioni più severe”.

Seguici su FACEBOOK ed entra nel nostro CANALE TELEGRAM sul motorsport per essere aggiornato sulle news e nel nostro GRUPPO TELEGRAM per discutere insieme a noi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.