La Pirelli svolge test “segreti” per sviluppare le gomme del 2020

Pirelli ha effettuato alcuni test “segreti” al fine di ottimizzare lo sviluppo delle gomme del 2020.

Secondo Mario Isola, l’obiettivo è ridurre il surriscaldamento e allargare la finestra operativa, ma per questo, oltre alle prove in pista , hanno utilizzato nuove procedure pionieristiche nel loro stabilimento di Milano.

“Quello che faremo per la prossima stagione è ridisegnare la costruzione per modificare l'”impronta”, e questo è principalmente per ridurre il surriscaldamento.

Per progettare nuovi composti con nuovi ingredienti, stiamo esplorando nuove direzioni per avere una gamma più ampia di lavoro”.

“Abbiamo effettuato alcuni test “indoor” per identificare e misurare correttamente il campo di lavoro, poiché il campo di lavoro è influenzato da molti elementi diversi.

Se si misura il campo di lavoro dello stesso composto in pista, in due auto diverse o anche su due tracce diverse, sarà diverso”.

“Quindi, per identificare la gamma operativa, abbiamo bisogno di un test indoor che può essere ripetuto. Questo ci dà l’opportunità di confrontare i composti e capire se stiamo andando nella giusta direzione per avere un range di lavoro più ampio o meno”.

Per quanto riguarda la nuova tecnologia utilizzata, Isola non ha voluto rilasciare un capo per non “regalare” il proprio lavoro alla concorrenza. Certo, afferma che è qualcosa di completamente nuovo e spera che ripagherà in futuro:

“È un risultato molto importante ed è stato un duro lavoro per il personale della fabbrica. Vorremmo proteggerlo e non fornire queste informazioni ai nostri concorrenti”. 

Ma è un nuovo sistema, un nuovo processo . Era un modo per trovare una nuova metodologia”.

Seguici su FACEBOOK ed entra nel nostro CANALE TELEGRAM sul motorsport per essere aggiornato sulle news e nel nostro GRUPPO TELEGRAM per discutere insieme a noi

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.